Intenti di Rendering - GDfoto Blog di fotografia e fotoritocco. News, Guide e Tutorial avanzati - Gabriele Danesi Fine Art Studio

Follow us:
Vai ai contenuti

Menu principale:

Intenti di Rendering

Gabriele Danesi Fine Art Studio
Pubblicato da in Gestione del Colore ·
Tags: intentorenderingcolorimetricopercettivo

INTENTO DI RENDERING: DEFINIZIONE
L’ Intento di Rendering è un algoritmo matematico che (durante una conversione colore) consente di portare all’interno del Gamut di destinazione eventuali colori fuori gamma.

INTENTO DI RENDERING COLORIMETRICO
Algoritmo: I colori riproducibili vengono riprodotti così come sono; i colori fuori gamma vengono approssimati al colore "più vicino", ossia al bordo del gamut di destinazione (risulteranno perciò desaturati ed eventualmente schiariti o scuriti).



Esistono 3 tipi di Intenti di Rendering Colorimetrici:

- Colorimetrico Assoluto (esegue l'algoritmo descritto e non effettua controlli sull'eventuale differenza del punto di nero e del punto di bianco dei due profili)
- Colorimetrico Relativo (esegue l'algoritmo descritto ed adegua il punto di bianco a quello del profilo di destinazione)
- Colorimetrico Relativo con Compensazione del Punto Nero (esegue l'algoritmo descritto ed adegua il punto di bianco e il punto di nero a quelli del profilo di destinazione)

INTENTO DI RENDERING NON COLORIMETRICO
Algoritmo: tutti i colori mantengono le loro posizioni relative. Vengono alterati sia i colori fuori gamma che quelli non fuori gamma tramite un algoritmo che esegue una specie di "contrazione" (o "espansione") allo scopo di far rientrare tutti i colori nel gamut di destinazione.



Esistono 2 tipi di Intenti di Rendering Non Colorimetrici:

- Intento Percettivo (cerca di mantenere la tinta del colore a discapito di luminosità e saturazione).
- Intento di Saturazione (cerca di mantenere la saturazione, a discapito di luminosità e tinta).

DIFFERENZE TRA INTENTI DI RENDERING COLORIMETRICI E NON COLORIMETRICI
Intento colorimetrico:
- Vantaggio: I colori non fuori gamma sono riprodotti fedelmente.
- Svantaggio: Possono apparire posterizzazioni, disuniformità di colori, zone tagliate.

Intento non colorimetrico:
- Vantaggio: I colori sono riprodotti uniformemente, con continuità, mantenendo, per così dire, i rapporti cromatici.
- Svantaggio: Nessun colore è riprodotto fedelmente.

INTENTI DI RENDERING USATI IN FOTOGRAFIA
Quando si devono eseguire delle conversioni colore, gli intenti di rendering adatti per la trattazione di immagini fotografiche sono: Colorimetrico Relativo (con comp. punto nero) e Percettivo. Il Colorimetrcio relativo si userà principalmente nei casi in cui ci sono pochi colori che vanno fuori gamma; il Percettivo si userà principalmente nei casi in cui un elevato quantitativo di colori va fuori gamma.





2 commenti
Voto medio: 125.0/5
Giacomo Ciolfi
2017-06-03 17:32:51
Buonasera Gentile GD studio,

mi chiamo Giacomo Ciolfi, sto studiando i flussi di lavoro per la stampa fotografica fineart e facendo delle ricerche in rete sull'utilizzo degli intenti di rendering durante le conversioni colore sono capitato sul vostro sito.
Leggendo anche altri articoli non si capisce bene anche perché non c'è una regola, ma se con l'intento percettivo è consigliabile utilizzare la compensazione del punto di nero oppure no e se si in quale caso: stampe a colori o bn?
Alcuni articoli suggeriscono in stampe bn di utilizzare sempre l'intento percettivo SENZA compensazione del punto di nero, anche nel vostro articolo la questione non è molto chiara così come i consigli che da Epson rispetto alla pratica effettiva di stampa.
Cosa ne pensate a riguardo?
Grazie della disponibilità e della cortesia.
Distinti saluti

Giacomo Ciolfi
Gabriele Danesi
2017-06-05 11:40:31
Grazie del commento, Giacomo. Per rispondere al tuo questito, penso sia necessario fare un minimo di chiarezza sulla "compensazione del punto di nero":

- Nell'intento di rendering colorimetrico tale funzione non è implementata a livello di profilo ICC. Dunque se vuoi che la conversione colore effettui anche un adeguamento al punto di nero del profilo di destinazione è assolutamente necessario specificarlo, spuntando l'apposita casella. In effetti "Intento relativo" e "Intento relativo con comp. del punto di nero" si possono considerare come 2 intenti separati proprio per tale motivo.

- Nell'intento percettivo, invece, la compensazione del punto di nero viene di solito già effettuata in maniera intrinseca dall'intento stesso. Per cui, in questi casi, attivarlo o no non produce alcuna differenza. Il fatto importante da sottolineare, però, è che questa compensazione intrinseca potrebbe anche non agire: ciò dipende da come viene implementato il profilo ICC dal programma che crea il profilo. Questo è il motivo per cui alcuni software (come Photoshop) offrono la possibilità si spuntare la compensazione del punto di nero anche nel caso in cui si utilizza l'intento percettivo. Diciamo che spuntandola siamo sicuri che la compensazione del punto di nero venga sempre effettuata, indipendentemente da come è stato creato il profilo ICC di stampa. Da questo punto di vista, quindi, è sempre meglio attivarla. Di contro, è altrettanto doveroso sottolineare che se il profilo di stampa è stato creato in modo da ottimizzare al meglio l'adeguamento al punto di nero di destinazione (nei riguardi dell'intento percettivo), il miglior risultato si otterrebbe NON spuntando la casella su Photoshop !

Gabriele Danesi

Via Case Rosse, 239
55047 Seravezza (LU)
p.iva: 02086340466
tel: 0584 743762
cel: 347 6997022
dal lunedi al sabato:
09:30 - 12:00
14:30 - 19:00
Follow us:
©Gabriele Danesi -FineArt- Studio
Torna ai contenuti | Torna al menu